"Il tenore Gustavo Porta ha scolpito il suo Andrea Chénier, non solo con gli acuti folgoranti e chiari, d'una intensità e d'una lucentezza ineccepibili, ma ha dato prova di saper modellare e condurre la voce laddove era necessario [...] sottolineando, se mai ve ne fosse ancora bisogno, la grande caratura dell'interprete"

 Porta

TENOR

 G

 ustavo